LaVA SULL’ETNA – Sicilia

LAVA SULL’ETNA – Sicilia
L’Etna o Mongibello è un complesso vulcanico siciliano originatosi nel Quaternario e rappresenta il vulcano attivo terrestre più alto della placca euroasiatica. Le sue frequenti eruzioni nel corso della storia hanno modificato, a volte anche profondamente, il paesaggio circostante, arrivando più volte a minacciare le popolazioni che nei millenni si sono insediate intorno a esso.

Il 21 giugno 2013 la XXXVII sessione del Comitato UNESCO, ha inserito il Monte Etna nell’elenco dei beni costituenti il Patrimonio dell’umanità

L’Etna è un vulcano attivo. A differenza dello Stromboli, che è in perenne attività, e del Vesuvio, che alterna periodi di quiescenza a periodi di attività parossistica, esso appare sempre sovrastato da un pennacchio di fumo. A periodi abbastanza ravvicinati entra in eruzione incominciando in genere con un periodo di degassamento ed emissione di sabbia vulcanica a cui fa seguito un’emissione di lava abbastanza fluida all’origine. Talvolta vi sono dei periodi di attività stromboliana che attirano folle di visitatori d’ogni parte del mondo per via della loro spettacolarità.

Nonostante i vulcani eruttino prevalentemente dalla loro cima, da uno o più crateri sommitali, l’Etna si caratterizza per essere uno dei pochi vulcani al mondo in cui è stato possibile osservare a memoria d’uomo la nascita di nuove bocche eruttive sommitali, formatesi prevalentemente nel secolo scorso[29]. Il vulcano attuale era costituito fino agli anni 2000 essenzialmente da 4 crateri sommitali attivi: il cratere centrale o Voragine, il cratere subterminale di Nord-est formatosi nel 1911 (NEC), la Bocca Nuova del 1968 (BN) e il cratere subterminale di Sud-est (del 1971) (SEC).

Tuttavia, solo nell’ultimo decennio, per la prima volta, i vulcanologi sono riusciti ad applicare un moderno approccio multidisciplinare per monitorare la nascita di un nuovo cratere sommitale e cercare di comprendere cosa renda tanto instabile un vulcano come l’Etna in corrispondenza delle bocche sommitali: alla fine del 2011 dove prima c’era un cratere a pozzo (o pit crater) alla base orientale del SEC, si è infatti sviluppato quello che ormai gli studiosi hanno ribattezzato Nuovo Cratere di Sud-Est (NSEC). L’edificio vulcanico del Nuovo Cratere di Sud-Est, formatosi lungo una frattura orientata lungo una direzione Nord-Ovest Sud-Est, è successivamente cresciuto con grande rapidità sull’orlo di una parete a strapiombo della Valle del Bove, alta circa mille metri, presentando quindi una relativa instabilità che caratterizza tutto il fianco nord-orientale del vulcano e mantiene alta l’attenzione degli scienziati.

Questi hanno recentemente stabilito che il vulcano subisce ciclicamente nel tempo dei fenomeni di inflazione (rigonfiamento), seguiti da deflazione (sgonfiamento) che possono durare per un periodi di alcuni mesi fino a qualche anno. Come riferito da Marco Neri, coordinatore del lavoro di studi e primo ricercatore presso l’Osservatorio Etneo dell’INGV (INGV-OE), durante un recente periodo di inflazione, «il fianco nord-orientale dell’Etna si è deformato, seguendo traiettorie di “traslazione” semi-circolari: la porzione sommitale si è spostata verso Nord-Est, la parte intermedia verso Est e infine la parte distale, in prossimità del Mare Ionio, è traslata verso Sud-Est. Lo spostamento verso Nord-Est della parte sommitale del vulcano ha favorito l’apertura di numerose fessure eruttive orientate in senso NO-SE (Nord-Ovest Sud-Est) e la conseguente nascita del Nuovo Cratere di Sud-Est». La traslazione verso lo Ionio è confermata anche dagli studi condotti dalla Open University.

Durante l’ultima campagna di misurazioni con GPS effettuata dall’INGV nel gennaio del 2014 si è constatato che il punto più alto del nuovo cono si era assestato a una quota di 3.290 m s.l.m. facendone di fatto una delle bocche sommitali più alte del grande vulcano.

L’Etna presenta inoltre diverse piccole bocche laterali sparse a varie altitudini, dette crateri avventizi, prodotte dalle varie eruzioni laterali nel tempo. Esistono poi dei centri eruttivi eccentrici caratterizzati dalla non condivisione del condotto vulcanico con il vulcano principale, ma del solo bacino magmatico, quali i monti Rossi e il monte Mojo.

DOWNLOAD: https://mega.nz/#!7MVRlS7S!ARXrTCwcdW2XIEZJ5iQEBPCaDl1Hr-ZTvLWNCuhwHlg

TAGS: #etna #sicily #sicilia #italy #catania #volcano #vulcano #travel #nature #photography #mountain #italia #picoftheday #landscape #siciliabedda #love #instagood #sky #photo #photooftheday #hiking #trekking #mountains #etnavolcano #adventure #beautiful #nikon #outdoor #taormina #igersitalia

VIA: LAVA SULL’ETNA – Sicilia – DailyPictures.it

Spread the love

Next Post

Previous Post

Dacci la tua opinione! :)

© 2019 DailyPictures.it

Theme by Anders Norén

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: